KWS
   
 

Utilizzo varietà nematodi

KWS - L’INNOVAZIONE GENETICA AL SERVIZIO DELLA BIETICOLTURA

Il miglioramento genetico è il fattore che ha maggiormente contribuito in passato alla crescita della barbabietola da zucchero e che continua a produrre innovazioni varietali che aumentano la competitività della coltura.

 

Osservando l’evoluzione che ha interessato la barbabietola da zucchero negli ultimi decenni, si comprende come il miglioramento genetico operato dalle case di selezione abbia giocato un ruolo fondamentale, sia per il progressivo aumento della produzione di saccarosio sia per il miglioramento qualitativo. In questo contesto, l’inserimento nelle varietà di barbabietole delle resistenze genetiche alla rizomania ed ai nematodi, ha rappresentato un aspetto decisivo che ha permesso di mantenere la coltivazione in aree altrimenti destinate all’abbandono.

La KWS è storicamente una delle case di selezione che maggiormente ha contribuito al miglioramento varietale della barbabietola, come si può chiaramente vedere nel grafico di fig. 1, inizialmente con l’inserimento nel 1985 della tolleranza alla rizomania e successivamente ad inizio 2000 sviluppando, prima tra le case sementiere, le varietà con doppia tolleranza, sia ai nematodi che alla rizomania.  

 

IT_Progresso selezione 2014

Fig. 1 Le varietà tolleranti ai nematodi di ultima generazione come Marinella, Norina e Bruna sono in grado di eguagliare in terreno sano le migliori varietà non tolleranti. 

 

Le prime varietà con doppia tolleranza nematodi-rizomania erano caratterizzate da buone produzioni in terreni infestati da nematodi ma evidenziavano minore produttività e più scarsa qualità estrattiva rispetto alle varietà tolleranti alla sola rizomania, quando utilizzate in terreni esenti da nematodi.

La KWS ha sempre posto grande attenzione alla risoluzione di questo problema,  ottenendo già nel 2008 un significativo miglioramento con la varietà MASSIMA ed un nuovo decisivo avanzamento a partire dal 2010 con l’introduzione delle varietà  BRUNA, NORINA e MARINELLA,  che pur dotate di triplice tolleranza per:  nematodi, rizomania e cercospora sono in  grado di eguagliare in terreno sano le migliori varietà non tolleranti.

 

MARINELLA, UNA GARANZIA PER I BIETICOLTORI E PER L’INDUSTRIA

Disporre di una varietà a triplice tolleranza (Nematodi, Rizomania e Cercospora), ossia alle principali avversità che la barbabietola può contrarre nell’ambiente Italiano, rappresenta una garanzia di stabilità produttiva importante, in quanto come i bieticoltori ben sanno queste malattie sono molto diffuse e possono provocare sulle varietà sensibili gravi perdite.

 

 

IT_Marinella e consigliate nematodi

Fig. 2 Nei risultati delle prove ufficiali in terreni infestati dal nematode H. schachtii Marinella ha conseguito la migliore PLV in entrambe le epoche di raccolta.

Con la selezione di MARINELLA l’attività di ricerca genetica della KWS  è  riuscita a creare una varietà innovativa, in grado di esprimere produzioni e purezze dei sughi ai massimi livelli, sia nei terreni infestati da nematodi sia in quelli esenti.  

 

IT_Utilizzo varietà2014

 

 

 

 

 

 

 

 
KWS