KWS
   
 

SILOMAIS 2.0: REDDITIVITA' ALLA STALLA PARTENDO DALLA TRINCEA

Con il progetto SiloMais 2.0 prosegue la collaborazione tra L’INFORMATORE AGRARIO e KWS.

Quest’anno è mirata a informare agricoltori e tecnici sul ruolo centrale del mais nella filiera zootecnica italiana. Come da tradizione – iniziata nel 2015 con il progetto “Mais 2.0” – saranno 4 i pilastri portanti di SiloMais 2.0:

  • mercato
  • redditività
  • alimentazione
  • agronomia

Queste quattro tematiche, che coincidono con i 4 capitoli della guida SiloMais 2.0, sono infatti centrali per sostenere la zootecnia da latte nazionale, che soffre di un mercato difficile da interpretare da un lato e un’efficienza molte volte al limite della  redditività dall’altro.

Il fulcro del progetto sarà la guida “SiloMais 2.0”, un volume dal formato tascabile che racconterà, con un taglio moderno e divulgativo contenuti firmati dai più famosi docenti Universitari delle varie discipline, tutto quello che c’è da sapere per continuare a fare reddito con il latte partendo da uno dei fattori principali, il mais, appunto.


Mercato
Il capitolo è dedicato all’analisi dell’ andamento dei prezzi del latte degli ultimi 10 anni nell’ Ue a 28. Il fenomeno della volatilità dei prezzi del latte bovino, iniziato nel 2007, ha portato a 3 fasi di crisi, di cui quella in corso è in assoluto la più prolungata.
Senza strumenti di stabilizzazione del mercato efficaci da parte dell’ UE, le imprese zootecniche devono cambiare il loro approccio, utilizzando strumenti individuali e collettivi per garantirsi una sufficiente redditività.


Redditività
Per continuare (o tornare) a fare reddito con i bovini da latte, in molti casi è essenziale cambiare la conduzione economica delle stalle da latte partendo dall’insilato per arrivare alla mungitura. L’analisi del bilancio aziendale permette di individuare soluzioni tecniche per gestire meglio i mercati volatili e in questo capitolo verrà descritto anche un caso concreto di piano colturale non efficiente, con costi superiori a quelli di mercato.


Alimentazione
L’ adozione di un sistema foraggero dinamico, che abbia l’obiettivo di produrre maggiori quantità di proteina da foraggi di elevata qualità nutrizionale, si dimostra un’ ottima scelta gestionale per ridurre i costi di produzione che l’ azienda zootecnica da latte si trova ad affrontare. Il capitolo tratterà anche dell’impatto della contaminazione da micotossine sulla produttività della vacca da latte.


Agronomia
Inutile coltivare il migliore ibrido di mais disponibile se poi si lavora male in trincea. Questo capitolo riporta i risultati di una sperimentazione sull’analisi tecnica delle perdite nutrizionali e quindi economiche degli insilati di mais ceroso e le soluzioni da applicare in trincea per contenere il problema. 


Incontri e attività web
Il progetto SiloMais 2.0 prevede anche un attività web, con un blog dedicato all’iniziativa e video interviste agli autori, e una serie di incontri nei principali areali zootecnici nazionali. Inoltre i vari incontri sul territorio saranno anche l’occasione per fare il punto sui vantaggi dell’impiego degli ibridi precocissimi da trinciato che permettono di produrre silomais di eccellente qualità anche con semine di seconda e terza epoca (fine maggio – inizio di giugno).

Clicca qui per vedere alcune impressioni dei eventi

Clicca qui per vedere i video con i relatori

 

 


 
KWS